MIlano diventa green: asile e scuole in legno per i bambini milanesi

Asili e scuole in legno a Milano grazie all'accordo con la Federlegno: ecologiche, economiche, versatili, veloci e resistenti.


La città di Milano si prospetta nel diventare la "capitale del Green", soprattutto dopo un accordo recentissimo firmato tra il Comune e Federlegno. Un progetto molto importante, considerando il grande portato ecologico di questa nuova sinergia. L'obbiettivo consiste nella realizzazione di scuole e asili in città costruiti solo ed esclusivamente in legno.

01_Accordo_MilanoFederlegno

(01_Accordo_MilanoFederlegno)

In seguito ad attente statiche sull'attuale condizione urbanistica della città di Milano, le stime hanno portato a delle conclusione non felici: molti edifici costruiti anche oltre 30 anni fa, risultano ormai obsoleti, sia per quanto riguarda la sicurezza che per l'alto consumo energetico. La considerazione siffatta assume un'importanza maggiore se si considerano gli edifici pubblici e scolastici in particolare. Con le normative vigenti e le Certificazioni energetiche Clima Casa, si pone subito in primo piano la questione della sostenibilità e l'urgenza di riqualificare gli edifici per dotarli di impianti a basso consumo energetico. La scelta di un accordo per rendere maggiormente accessibili gli edifici dal punto di vista della sostenibilità ambientale risulta, quindi, essere ottima.

Nell'accordo fra il Comune di Milano e la Federlegno, la priorità dei progetti di scuole in materia di bioedilizia è stata già inserita nel bilancio di previsione 2014.

Il metodo di costruzione in legno è stato ampiamente brevettato e sfruttato soprattutto nei paesi del Nord Europa, ricchi di materie prime, e presenta notevoli vantaggi.

02_Accordo_MilanoFederlegno

(02_Accordo_MilanoFederlegno)

Sotto il profilo ambientale, innanzitutto, il legno garantisce oltre il 40% di risparmio energetico rispetto alle tecnologie tradizionali. Il legno, infatti, rispetto ad altri materiali edilizi da costruzione come, ad esempio, il cemento armato e i laterizi, è in grado di immagazzinare 0,9 tonnellate di CO2 per ogni metro cubo. Il legno è anche un materiale isolante e non necessita, quindi, di profusi sistemi di coibentazione per umidità, acustica o temperatura.

Questo materiale presenta anche altri vantaggi, come la velocità di costruzione o modifica dell'impianto strutturale. Per la costruzione di una scuola di tre piano si prospetta un cantiere di soli otto mesi, rispetto agli oltre due anni necessari per la tecnologia in muratura. L'impianto, come detto, una volta costruito risulta essere molto flessibile, quindi cambiamenti in corso d'opera, necessità di ampliamento o diversa distribuzione degli spazi interni sono molto versatili e si adattano perfettamente alle esigenze della committenza e dei fruitori.

Il legno rispetta, quindi, tutti i principi della sostenibilità, abbinando anche il costo inferiore della sua messa in opera e un grande rispetto per le generazioni future. Ultima, ma non ultima, la sua capacità di sismo-resistenza.

03_Accordo_MilanoFederlegno

(03_Accordo_MilanoFederlegno)

Questo progetto per la costruzione di scuole diventa anche urgente per una città come Milano, diventata centro di riferimento per l'innovazione ed il design, oltre che sede dell'Expò mondiale 2015.

Il ruolo della Federlegno è molto importante all'interno del progetto e, secondo i firmatari, è un modo per "giocare in anticipo". In particolare, Assolegno, l'associazione di FederlegnoArredo che raccoglie le più importanti imprese italiane specializzate in edilizia in legno, fornisce una consulenza di eccellenza a privati e aziende. Da molti anni si punta ad una progettazione accessibile anche dal punto di vista energetico e strutturale e trovare una soluzione del genere che non porta a conflitti di interesse o a soluzioni economiche troppo gravose per i bilanci comunali risulta essere un importante passo verso la salvaguardia dell'ambiente.

Autore

Dott.ssa Chiarina Tagliaferri

Articolo letto 805 volte

Visualizza l'elenco dei principali articoli