Casa a uovo: un'abitazione organica e integrata

Come in tutte le case mobili, la casa-uovo degli dmvA Architecten offre la possibilità di avere un'abitazione trasportabile in qualunque momento e in qualunque luogo e fornisce al fruitore un?importante opportunità di fuggire dall'urbano e dallo stress della vita quotidiana.


La casa a uovo, come è stato denominato il progetto della Blob vB3, nasce con una motivazione molto particolare, ovvero il rifiuto da parte delle autorità governative belghe di accettare nella pianificazione urbana una costruzione così "strana". Con il timore di poter deturpare l'equilibrio delle classiche tipologie abitative, il progetto della Blob vB3 è stato tassativamente rifiutato.

Blob vB3_Casa a uovo nomade_dmvA Architecten_Vista dall'esterno

(Blob vB3_Casa a uovo nomade_dmvA Architecten_Vista dall'esterno)

Ma se il progetto è stato rifiutato come impiantato nel tessuto urbano, Blob vB3 diventa una casa nomade, con una superficie interna di 20 metri quadri. È questa brevemente la storia di una delle case più organiche che siano state mai progettate.

Il progetto va attribuito allo studio di architettura dmvA Architecten. Il principale obbiettivo dello studio non è il progetto in se per se ma il processo per il quale si arriva alla realizzazione di un determinato prodotto, che sia esso un concept o una produzione. "Il processo di progettazione non è ricerca di qualcosa di fondamentalmente nuovo, ma la ricerca di un'altra domanda di qualcosa di già esistente. (Architettura non deve necessariamente essere bella!)". Per loro, inoltre, "l'utente non è più osservatore, ma promosso ad essere un attore e sfidato a partecipare al teatro montato da dmvA e un edificio, un interno è indissolubilmente collegato ad un certo momento nel tempo".

Pensieri forti che conducono a progetti forti. La casa a uovo si configura esattamente con una forma ellissoide tagliata in corrispondenza del piano di calpestio, per permettere l'ancoraggio della piattaforma e delle ruote per il trasporto. Questo progetto di avvicina moltissimo ad una configurazione artistica e il suo processo di progettazione è durato ben 18 mesi.

Blob vB3_Casa a uovo nomade_dmvA Architecten_Multivista dall'esterno all'interno

(Blob vB3_Casa a uovo nomade_dmvA Architecten_Multivista dall'esterno all'interno)

L'uovo è stato costruito con materiali leggeri e resistenti. Un'ossatura di legno permette di formare una struttura statica e resistente, che viene poi riempita da ulteriori pannellature più sottili e leggere sempre in legno, tenute salde da un tessuto elastico e poi intonacate.

Il rivestimento interno è in formica mentre quello esterno è in poliestere. Tra i due materiali è anteposta un'intercapedine che agevola la ventilazione naturale ma anche l'isolamento termico, acustico e soprattutto dall'umidità.

Blob vB3_Casa a uovo nomade_dmvA Architecten_Fasi della costruzione

(Blob vB3_Casa a uovo nomade_dmvA Architecten_Fasi della costruzione)

L'unico colore predominante dell'intera struttura è il bianco. Lo spazio interno è molto più ampio di quello che potrebbe sembrare ed è estremamente minimale. L'organizzazione spaziale dell'ambiente non permette la presenza di divisori interni ma segue la logica ferrata delle funzioni e degli elementi incasellati. Infatti, l'interno si presenta come un alveare, dove ogni cosa sta a suo posto per non rinunciare a niente. Si possono trovare una piccola zona letto, un servizio e una zona ufficio. Le diverse nicchie possono essere utilizzate a piacimento per riporvi oggetti di varia natura.

Blob vB3_Casa a uovo nomade_dmvA Architecten_Configurazione ad alveare delle pareti interni e pianta libera

(Blob vB3_Casa a uovo nomade_dmvA Architecten_Configurazione ad alveare delle pareti interni e pianta libera)

Blob vB3_Casa a uovo nomade_dmvA Architecten_Configurazione ad alveare delle pareti interni e pianta libera

Le aperture della Blob vB3 sono tre. Una prima apertura molto grande, sulla "punta" dell'uovo, una seconda laterale e un lucernario sul soffitto dalla forma di un oblò. La prima apertura può anche essere bloccata e questa posizione permette di creare un piccolo portico antistante alla casa. Le aperture sfruttano tutte il sistema ad ali di gabbiano che non utilizza spazio interno ed è automatizzato elettricamente.

Blob vB3_Casa a uovo nomade_dmvA Architecten_Dettaglio dell'apertura con sistema ad ali di gabbiano

(Blob vB3_Casa a uovo nomade_dmvA Architecten_Dettaglio dell'apertura con sistema ad ali di gabbiano)

La destinazione d'uso della Blob vB3 può essere varia, questa può essere usata come un caravan e quindi unità vacanze, una piccola abitazione, ma anche studio, ufficio o zona relax.

All'interno è presente anche un guardaroba a scomparsa e per l'illuminazione è stato scelto un sistema LED a risparmio energetico.

La casa è facilmente trasportabile appunto grazie all'utilizzo di materiali tanto leggeri anche se guardando lo spessore delle pareti può sembrare il contrario. Lo studio dmvA Architecten gioca infatti molto con queste illusioni ottiche, non a caso è stata scelta la forma dell'uovo. Questo non permette di concepire bene le distanze e le ampiezze, specialmente da una vista esterna, ed è in grado di attirare enormemente l'attenzione.

Una delle caratteristiche principali della Blob vB3, oltre che la forma, è la sua mobilità. Come in tutte le case mobili, questa possibilità di avere un'abitazione trasportabile in qualunque momento e in qualunque luogo fornisce al fruitore un'importante opportunità di fuggire dall'urbano e dallo stress della vita quotidiana.

Blob vB3_Casa a uovo nomade_dmvA Architecten_Disegni tecnici di pianta e sezione

(Blob vB3_Casa a uovo nomade_dmvA Architecten_Disegni tecnici di pianta e sezione)

Autore

Dott.ssa Chiarina Tagliaferri

Articolo letto 5.219 volte

Visualizza l'elenco dei principali articoli