Casa in legno prefabbricata ZeroEnergy per una Romania super-ecologica

Le case Zero Energy sono un progetto del gruppo Soleta e vogliono dimostrare come sia efficiente il loro sistema. Con queste case si arriva ad un impatto zero sull'ambiente, utilizzando sistemi a risparmio energetico e materiali naturali.


Zero Energy Homes sono dei modelli di casa prefabbricata a bassissimo impatto energetico. Si tratta di case che racchiudono al loro interno tutti i componenti della cultura green.

I primi modelli sono stati istallanti in Romania, precisamente a Bucarest di fronte l'ambasciata USA, come dimostrazione di efficienza e bellezza complessiva. Il progetto è merito del gruppo Soleta con l'aiuto dell'associazione no-profit "Justin Capra Foundation for Sustainable Technologies and Inventions" (FITS).

Ma cos'hanno di tanto speciale queste case?

Zero Energy Homes del gruppo Soleta

(Zero Energy Homes del gruppo Soleta)

DIMENSIONE OFF-GRID GREEN BUILDING. DIMENTICARE LE BOLLETTE

La casa è in grado di auto-alimentarsi autonomamente, non necessita, quindi, di allacci alle varie reti pubbliche. Questa comprende al suo interno vari impianti che sfruttano le energie rinnovabili, ovvero: geotermico, fotovoltaico, solare termico, mini eolico, raccolta delle acque piovane e tecnologia LED per l'illuminazione interna.

Gli impianti possono anche diventare delle combinazioni e il cliente può liberamente scegliere quali istallare.

CASA PASSIVA E IMPIANTI GREES ENERGY

La casa è in grado di sfruttare gli stessi apporti generati al suo interno, vale a dire che è in grado di recuperare il calore e trasformarlo in energia, compensando le spese energetiche durante la stagione fredda.

Questi apporti, definiti appunto "passivi" sono la somma del calore dell'irraggiamento solare (grazie alle grandi finestre di tre strati di vetro) e del calore generato sia dagli elettrodomestici che dagli occupanti. Il sistema delle finestre Velux raccoglie tutti i dati interni (temperatura, umidità e valori nell'aria di CO2) e regola in modo automatico la ventilazione, aprendo o chiudendo le feritoie delle finestre. Con questo sistema si definisce anche la "ventilazione passiva". Justin Capra, a proposito, spiega: "Quando la luce naturale proveniente da tutte le direzioni entra in casa ci si può immergere nel ritmo della natura e delle stagioni".

Zero Energy Homes del gruppo Soleta

(Zero Energy Homes del gruppo Soleta)

ARCHITETTURA MODULARE, SI ALLARGA IN DIMENSIONE E SI TRASFERISCE IN SOLI 3 MESI

In base alle esigenze abitative, la casa diventa modulare, ovvero composta da moduli, o spazi predefiniti, prefabbricati, che possono essere progressivamente aggiunti o eliminati al modulo base, senza in alcun modo compromettere l'efficienza, il design o del prestazioni energetiche. Molto semplicemente, se la famiglia si ingrandisce, si possono aggiungere delle stanze, senza conturbare l'armonia di insieme.

Il modulo minimo è un'abitazione monofamiliare con dimensione di 48 mq. al prezzo di 25 mila euro, mentre il più grande arriva a 100 mq., 4 locali, 57 mila euro.

Grazie alla sua capacità elastica, la casa può essere montata o smontata e trasferita in brevissimo tempo, circa 3 o 4 mesi.

Zero Energy Homes del gruppo Soleta

(Zero Energy Homes del gruppo Soleta)

MATERIALI DI PRIMA QUALITA' E DESIGN ELEGANTE

I materiali utilizzati per la costruzione della casa prediligono l'utilizzo del legno e diventa così riciclabile al 97%. Il design stesso è molto particolare, perché vede forme inconsuete, ma che permettono spazi larghi e ariosi con soluzioni di design per gli interni.

CASA STABILE SENZA FONDAMENTA

La casa non invade o perturba l'ambiente. Questa posa su blocchetti di cemento con un sistema di rondelle. Questo sistema è il metodo più sicuro per rendere la casa antisismica al 100% perché le vibrazioni non si trasmettono sul classico basamento o sulle fondamenta a piattaforma ma solamente nei blocchetti e permettono alla casa di ridurre le oscillazioni grazie alle rondelle. Anche se la casa non posa su un sistema classico è assolutamente stabile e sicura.

Autore

Dott.ssa Chiarina Tagliaferri

Articolo letto 50 volte

Visualizza l'elenco dei principali articoli