Dalla Val Badia arriva la Loghouse, una casa fatta di legno e lana di pecora

Costruite esclusivamente con tronchi d'albero e senza alcun isolante ad eccezione della lana di pecora, le Loghouse realizzate dall'impresa Holzmar di Longiarù sono perfettamente ecocompatibili. In arrivo un prototipo in grado di ottenere il certificato CasaClima.


Una casa perfettamente ecocompatibile, costruita esclusivamente con tronchi d'albero e senza alcun tipo di isolante ad eccezione della lana di pecora. Arriva dalla Val Badia la "Loghouse", realizzata dalla Holzmar di Longiarù, una delle aziende del cluster Legno e tecnica del Tis innovation park. Il responsabile della costruzione è Othmar Castlunger, carpentiere altoatesino specializzatosi Bieberach, in Germania. Benché totalmente ecocompatibili, tuttavia, gli edifici della Holzmar non possono ottenere la certificazione CasaClima - ideata e sviluppata, tra l'altro, proprio in Alto-Adige -, a causa della mancanza di isolanti dai parametri riconosciuti. A questo proposito, Castlunger sta lavorando ad un prototipo con nuovi accorgimenti tecnici per dimostrare che le "Loghouse" sono perfettamente in linea con i parametri di efficienza energetica stabiliti.

Sul Tis Paper, magazine edito dal centro tecnologico altoatesino che ha dedicato un articolo agli edifici della Holzmar, è stato proprio Castlunger a raccontare la sua storia professionale. "Ho iniziato perché mi piaceva il legno" - ha spiegato il carpentiere - "ma ho scelto l'edilizia perché il falegname fa tutto in laboratorio, mentre il carpentiere lavora all'esterno. La sera, quando finisci, vedi quel che hai fatto e c'è molta più soddisfazione". Parlando delle qualità delle "Loghouse", Castlunger ha sottolineato: "Calmano le persone, perché c'è vita dentro il legno. Ogni tronco racconta la sua storia, la senti quando lo tocchi". I clienti ideali, ha proseguito l'artigiano altoatesino, sono "quelli che  amano il legno che ti avvolge con le sue forme naturali e splende senza bisogno di cere". Legno lucido senza l'utilizzo di alcun agente chimico e una luce interna ed esterna che avvolge ogni ambiente sono infatti tra le principali caratteristiche della "Loghouse" realizzata in Val Badia. 

Le

(Le "Loghouse" realizzate dall'azienda altoatesina Holmar sono costruite con tronchi d'albero, senza agenti chimici né isolanti ad eccezione della lana di pecora) 

La corteccia dell'albero, ha spiegato ancora Castlunger, viene rimossa con un'idropulitrice al fine di evitare di danneggiare il tronco. L'intaglio, inoltre, è a cuneo invece che tondo come nelle tradizionali Blokhouse tedesche, e il tronco lavorato non presenta alcuna fessura potenzialmente in grado di accogliere il ristagno di acqua. I tronchi utilizzati, ha assicurato infine il carpentiere badiota, sono scelti personalmente dal costruttore nel raggio di 100 chilometri dal luogo in cui sorgerà il nuovo edificio. Per l'isolamento è stata scelta la lana di pecora, che assorbe umidità ed è in grado di restituirla in caso di necessità. 

Gli interni della

(Gli interni di una delle "Loghouse" realizzata da Castlunger)

Per abitazioni di circa 100 mq, il prezzo delle "Loghouse" non si discosta molto da quello di una casa tradizionale. Tra le principali voci di spesa figura la manodopera qualificata, che incide per l'80% sul costo finale dell'edificio. Per quanto concerne la capacità produttiva, la Holzmar è in grado di produrre una "Loghouse" all'anno, realizzando al contempo i principali utili dalla costruzione di case tradizionali con esterni in legno, baite e camere d'albergo in legno nel Nord Italia e fuori dai confini nazionali.

  

Autore

Dott. Andrea D'Ammando

Visualizza l'elenco dei principali articoli