Dome House: assemblabile, ecologica, molto simpatica, la casa a forma di igloo

La Dome House è una piccola costruzione a forma di cupola, nel cuore di una fattoria, in Thailandia. Il suo ideatore, Steve Areen, dopo lunghi viaggi, ha deciso di costruire la casa dei suoi sogni, ad un prezzo bassissimo ed in sole 6 settimane.


Steve Areen ha avuto un'intuizione geniale e nel realizzare il suo sogno ha speso solamente 9 mila dollari, ovvero 6 mila e 500 euro. Si tratta della sua Dome House, una casa auto-costruita.

Steve Areen è un assistete di volo che, proprio grazie al suo lavoro, ha avuto modo di viaggiare molto, conoscere culture e luoghi anche molto differenti tra di loro e incontrare persone di tutti i tipi. Una volta giunto in Thailandia, però, ha deciso di costruire la sua casa e di postare la sua esperienza unica su di un sito web, per raccontare la sua storia e quella della sua Doma House.

Dome House di Steve Areen, la casa-cupola auto-costruita

 

(Dome House di Steve Areen, la casa-cupola auto-costruita)

Dome House di Steve Areen, la casa-cupola auto-costruita

Tutto nasce "Nel 2011, quando ho avuto modo di fare una visita meravigliosa al mio amico Hajjar Gibran. Per anni mi ha ispirato con le sue idee creative. Questa volta stava costruendo cupole al suo centro di ritiro nel nord-est della Tailandia. Lui e sua moglie hanno offerto un posto nella loro fattoria per costruire il mia cupola". Ecco, infatti, come tutto ha inizio.

La Dome House è stata molto semplice da costruire, specialmente perché le leggi tailandesi sono molto diverse da quelle europee. Ad esempio, lì le persone non necessitano di particolari permessi per costruire e le procedure sono molto più semplici e veloci. La Dome House è, quindi, una struttura a forma di cupola che ben si adatta alle costruzioni e alle tradizioni locali. L'abitazione è stata realizzata in sole 6 settimane e Steve Areen ci è riuscito con il solo aiuto di altre due persone.

Per tirare su la casa, sono state adottate anche tecniche e materiali locali. Per la circonferenza della casa è stato adottato il vecchio modo di "utilizzare il compasso", il cosiddetto braccio orientabile, ovvero puntando un'asta in un punto con attaccata una corda e girando in cerchio per disegnare la circonferenza sulla terra battuta, che sarebbe diventato il basamento della casa stessa. Questo, quindi, il punto di partenza. 

Punto centrale della Dome House tramite la tecnica del braccio orientabile

(Punto centrale della Dome House tramite la tecnica del braccio orientabile)

Dome House: costruita a mano e con materiali locali

 

(Dome House: costruita a mano e con materiali locali)

Dome House: particolare del rubinetto per l'acqua

 

(Dome House: particolare del rubinetto per l'acqua)

Per i materiali, Steve ha scelto mattoni crudi e argilla, tutto montato a mano, e rifinito, poi, di un bel colore della terracotta. La superficie complessiva della casa si aggira intorno ai 500 mq. e al di fuori è provvista anche di uno stagno. La Dome House non ha né riscaldamento né corrente elettrica ma sicuramente è molto accogliente e ben arredata. Per l'acqua Steve ha adottato un sistema di scolo e il rubinetto diventa un bel tubo di bambù. Il pavimento è di mattoni ed il tetto è ricoperto da un prato.

Arredi etnici per la Dome House

(Arredi etnici per la Dome House)

La Dome House ha un suo centro più grande a forma di cupola, appunto, dal quale si aprono le altre stanze della stessa forma anche se leggermente più piccole. Le finestre sono integrato nelle superfici stesse delle cupole e rendono tutto molto organico e piacevole da vedere. Una struttura davvero molto particolare e personale, in perfetto stile con la natura circostante tailandese. Per gli arredi interni Steve ha scelto pezzi etnici, dalle forme morbide e i colori caldi, per un prezzo complessivo di meno di 3 mila dollari.

Sempre sul suo sito, Steve conclude la sua esperienza dichiarando: "La mia prossima sfida sarà portare tutto questo negli Stati Uniti. Di sicuro, tutte le mie future cupole saranno costruite con blocchi di terra compressa. Se avete qualche domanda non esitate a contattarmi".

Autore

Dott.ssa Chiarina Tagliaferri

Articolo letto 1.034 volte

Visualizza l'elenco dei principali articoli