Sopraelevazioni in legno per la riqualificazione dei quartieri. Le Treehouses di Amburgo

La ristrutturazione di un quartiere di Amburgo risalente agli anni Cinquanta, realizzata utilizzando sopraelevazioni prefabbricate in legno. Il risultato? L'aumento del volume del complesso residenziale e la diminuzione delle sue emissioni inquinanti.


Ristrutturare un edificio già esistente può talvolta implicare anche un ampliamento del suo volume, un ingrandimento della struttura che solitamente viene effettuato mediante una sopraelevazione, cioè l'aggiunta di uno o più piani. Grazie alla sua leggerezza e versatilità non è insolito che per la realizzazione di queste sopraelevazioni si decida di ricorrere al legno. 

Per approfondire il tema delle sopraelevazioni in legno si rimanda a questo articolo.  

La scelta di ricorrere alle sopraelevazioni in legno può risultare utile e proficua anche quando sono previsti interventi di ristrutturazione edilizia che comportino la riqualificazione di un intero quartiere. È il caso, ad esempio, del quartiere Bebelallee di Amburgo, un complesso residenziale di case a schiera costruito negli anni Cinquanta e ristrutturato pochi anni fa ricorrendo proprio alle sopraelevazioni in legno. Gli interventi di ristrutturazione edilizia previsti per il quartiere tedesco avevano un duplice scopo: da un lato era necessario riqualificare le strutture esistenti per incrementarne le prestazioni energetiche e diminuire di conseguenza le emissioni di gas serra del complesso. Dall'altro lato, bisognava prevedere un aumento della densificazione del quartiere, cioè la possibilità di accogliere un maggior numero di residenti evitando però un ulteriore consumo di suolo. Per farlo era dunque necessario provvedere ad un aumento della volumetria dei fabbricati.

Le Treehouses di Amburgo

Ad aggiudicarsi il progetto di ristrutturazione edilizia e riqualificazione energetica delle strutture è stato lo studio Blauraum Architekten di Amburgo con il progetto Treehouse. L'intervento proposto dai progettisti prevedeva sia la ristrutturazione dell'edificio preesistente, sia l'aumento della volumetria degli edifici mediante l'utilizzo di sopraelevazioni in legno. Il tutto senza compromettere il valore storico del complesso. Terminati nel 2010, i lavori di ristrutturazione e riqualificazione del complesso residenziale hanno comportato una duplicazione della superficie dell'edificio e, al tempo stesso, un dimezzamento delle sue emissioni inquinanti. Ai 9.600 mq di superficie dell'edificio storico sono stati aggiunti 8.800 di sopraelevazione in legno, che hanno garantito l'ottenimento di 47 ulteriori appartamenti di varia metratura e dotati di un'ampia terrazza sul tetto, che sono andati ad aggiungersi ai 104 appartamenti già esistenti. Ottimi risultati sono stati ottenuti anche sul piano delle prestazioni energetiche. Se prima dell'intervento i consumi medi annui dell'edificio erano di circa 217 kWh/mq, in seguito alla riqualificazione energetica l'edificio ha raggiunto un consumo annuo di circa 81 kWh/mq, con una riduzione pari al 62%. 

Le Treehouses di Amburgo

La scelta del legno per la realizzazione della sopraelevazione ha consentito di affidarsi alla prefabbricazione per la produzione dei moduli necessari. I nuovi appartamenti, infatti, sono stati realizzati con struttura a telaio composta da pannelli prefabbricati in legno e isolamento in lana minerale, interamente realizzati in fabbrica e arrivati in cantiere pronti per essere montati. In questo modo non solo è stato possibile effettuare gli interventi di ristrutturazione edilizia in tempi piuttosto contenuti, ma si è arrecato anche un disturbo minimo ai residenti del vecchio edificio, che hanno potuto continuare ad abitare nelle proprie case anche durante l'esecuzione dei lavori. 

Le Treehouses di Amburgo

L'edificio è stato completato con un rivestimento in scandole di legno di cedro non trattato. La scelta di questo materiale è stata effettuata, oltre che per la sua naturale resistenza e durabilità, anche per motivazioni estetiche. Si tratta, infatti, di un materiale che invecchiando tende a modificare la propria colorazione verso il grigio-argento, assumendo dunque un colore simile a quello del vecchio edificio sottostante, per il quale è stato mantenuto il rivestimento in clinker.

Immagini da www.blauraum.eu

Autore

Dott.ssa Serena Casu

Articolo letto 442 volte

Visualizza l'elenco dei principali articoli