Abitazioni di montagna: i tabià

Splendide case di montagna tipiche dell'Ampezzano, i tabià in origine erano antichi fienili, oggi riconvertiti in abitazioni e strutture turistiche.


In alcune zone di montagna, in particolar modo nell'ampezzano e in qualche località del Trentino, è frequente trovare antichi edifici ristrutturati e rese adatti ad un uso residenziale. Sono i tipici tabià, antichi fienili ormai utilizzati come abitazioni o come strutture turistiche.

Il termine tabià si riferisce nello specifico al tavolato che forma il fienile e la stalla, antica destinazione d'utilizzo di questi edifici, i quali si caratterizzano per la loro struttura in legno poggiante su un basamento in pietra. Nelle antiche costruzioni, al piano di sotto c'era la stalla, mentre il fienile era localizzato al piano superiore e rivolto verso il pendio del monte. Presentava un pavimento inclinato che facilitava il carico del fieno. I tabià sono dotati di un tetto particolarmente sporgente oltre le pareti perimetrali, per impedire alla pioggia e alla neve di battere sulle pareti e per impedire agli elementi naturali di rendere scivolosa e fangosa l'argilla su cui è posata la costruzione, limitandone gli slittamenti.

Tutt'oggi, specie nel territorio di Cortina d'Ampezzo, è facile imbattersi in bellissime strutture in legno, completamente ristrutturate e adibite a funzioni residenziali o turistiche, che riescono a coniugare le moderne esigenze abitative con il gusto della tradizione e il rispetto per le caratteristiche peculiari del territorio e del paesaggio all'interno del quale sono inserite.

Autore

Dott.ssa Serena Casu

A cura della Dott.ssa Serena Casu

Appassionata e attenta conoscitrice di tematiche ambientali, modalità costruttive alternative ed eco-compatibili, sistemi di costruzione ecologica e metodi alternativi per la produzione di energia.

Articolo letto 5.299 volte

Visualizza l'elenco dei principali articoli