Case in legno prefabbricate o in opera? Da quale lato penderà l'ago della bilancia?

Nessun dubbio dovrà assalire la scelta della casa in legno: la flessibilità farà la differenza, la garanzia di costruzione e la qualità dei materiali rimarranno il punto forte. Le case in legno prefabbricate e in opera a confronto per sottolineare le caratteristiche simili e quelle divergenti.


Le case in legno sono quelle graziose abitazioni che, almeno una volta, si sono impossessati dei nostri pensieri da sognatori e ci hanno catapultati in un mondo incantato. A prescindere dalla bella favola, esse costituiscono una realtà sempre più forte anche nel territorio italiano. Esse, infatti, rientrano a pieno titolo tra le costruzioni abitative ed anche le norme si sono adeguate per inglobarle al loro interno.

Tanti sono i blog o i portali che trattano di queste costruzioni e tanti sono i quesiti che vengono esposti agli esperti. Molte persone richiedono sovente la differenza tra case in legno prefabbricate o quelle in opera e chiedono di capirne la differenza e le possibilità di impiego. Andiamo con ordine.

QUALE È LA DIFFERENZA TRA LE CASE IN LEGNO PREFABBRICATE E QUELLE IN OPERA?

CASE IN LEGNO PREFABBRICATE

Le differenze tra una casa in legno prefabbricata e una in opera ci sono e sono alla portata di tutti.
Le pareti interne ed esterne delle case prefabbricate, proprio per loro natura, vengono realizzate quasi interamente in fabbrica. La loro struttura, infatti, consente di avere direttamente in cantiere i moduli da assemblare comprendenti già gli elementi portanti, gli isolamenti termoacustici, i pannelli in legno, il cappotto, gli infissi, le tapparelle o gli scuretti, l'intonaco, le predisposizioni impiantistiche e il cartongesso.

Dalla scelta al montaggio di una casa prefabbricata in legno

(Dalla scelta al montaggio delle case prefabbricate)

Inoltre, la prefabbricazione industriale consente di lavorare con estrema precisione su tutti i dettagli e i componenti dei moduli prefabbricati, grazie all'ausilio di strumenti di controllo e misurazione e ciò consente di generare moduli qualitativamente standardizzati a garanzia di un elevato livello costruttivo. Per di più il lavoro di prefabbricazione industriale viene svolto all'interno di un ambiente asciutto, con un tasso di umidità e temperatura adeguato alle procedure.

CASE IN OPERA

Al contrario, un edificio in legno assemblato in opera, nonostante presenti pari caratteristiche costruttive, stessi valori termici, materiali e spessori di una costruzione prefabbricata, è costretto a risentire inevitabilmente degli agenti atmosferici e delle specifiche condizioni in cui versa il cantiere, dunque l'istallazione di tutti quegli elementi che nei moduli prefabbricati avverrebbero in fabbrica, in questo caso sarebbero montati in loco e ciò è causa di inevitabile allungamento dei tempi di consegna.

Come per tutte le tipologie costruttive variabili (ad esempio la muratura), anche le case in opera non garantiscono un prezzo fisso (a differenza, invece, di quanto accade per gli edifici prefabbricati), che può variare in base alle giornate lavorative e agli intoppi di cantiere. Proprio per questo motivo, le costruzioni in opera, solitamente, vengono sconsigliate per la realizzazione di piccole strutture.

Moduli prefabbricati in legno

(Moduli prefabbricati in legno)

Una lancia a favore delle case in opera è costituita dal fatto che esse sono facilmente montabili senza l'aiuto della gru, dunque la loro costruzione può risultare favorevole anche in situazioni logistiche impegnative come lotti poco o per nulla accessibili, o in nel caso di terreni con una forte pendenza, o ancora per la realizzazione di edifici a schiera molto vicini l'un l'altro.

Proprio grazie a questa loro versatilità e flessibilità, le fabbricazioni in opera sono anche adatte per la realizzazione di ampliamenti e sopraelevazioni di immobili già esistenti o fedeli ricostruzioni di edifici storici che, magari, non presentano una struttura ad angolo retto. Per ciò che riguarda le prestazioni energetiche e le caratteristiche tecniche, le case in opera possono comunque essere comparate alle efficienze prestazionali degli edifici preassemblati in fabbrica.

QUALE SISTEMA COSTRUTTIVO E' PREFERIBILE?

Dunque, da quale parte dovrà pendere l'ago della bilancia? Quale sarà la metodologia costruttiva da preferire?

In realtà non si può parteggiare per l'una o per l'altra, in quanto dal punto di vista costruttivo non cambia davvero nulla: medesimo l'isolamento termico, lo stesso spessore, gli stessi materiali impiegati, la stessa qualità di telaio e la qualità costruttiva garantita in ogni caso.

Dunque cosa potrà far vacillare questa sicurezza e far pendere l'ago della bilancia più per una che per l'altra? Il numero dei pareri si perde nella notte dei tempi, soprattutto per la discordanza.

Cantiere per la costruzione di una casa prefabbricata

(Cantiere per la costruzione di una casa prefabbricata)

Sicuramente la maggiore flessibilità che presentano le case in opera sarà l'ideale per tutte quelle strutture che prevedono un progetto particolare e richiedono capacità di adattamento superiori rispetto a quelle comuni. Dall'altra parte, in siti soggetti a situazioni meteorologiche problematiche, sarà il caso di ricorrere, in ogni caso al montaggio a secco, con operazioni abbastanza veloce, limitando al minimo i rischi ambientali dovuti, ad esempio, all'umidità.

Inoltre, la standardizzazione delle costruzioni in legno permette alle ditte di innalzare e garantire la qualità complessiva delle case prefabbricate e, allo stesso tempo, di concedere al cliente lunghi tempi di garanzia, grazie alle tecniche costruttive collaudate e certificate.

Buone ditte di prefabbricati o di costruzioni in opera saranno in grado di condurre il cliente verso la scelta giusta da compiere e costruire in legno non sarà un cruccio amletico.

Autore

Dott.ssa Sara Tomasello

Visualizza l'elenco dei principali articoli