L'abitazione in Grecia

Continua il viaggio nella storia dell'abitazione dell'uomo. La Grecia, con la sua Acropoli e i tortuosi vicoli cittadini, offre la simultanea presenza, le une accanto alle altre, di abitazioni popolari e case del ceto abbiente.


In Grecia, il centro della città è l'Acropoli, localizzata su un'altura, cinta da mura e sormontata da templi, recinti sacri e sorgenti dedicate alle divinità. Le abitazioni si sviluppano disordinatamente sulle pedici, senza una struttura urbanistica ben definita, e prevedono la simultanea presenza di abitazioni del ceto più abbiente e di quello popolare, che sorgono le une accanto alle altre nei vicoli tortuosi delle città. Manca il Palazzo, espressione tipica dei governi monarchici.

Si tratta per lo più di case unifamiliari di forma rettangolare, a uno o a due piani. Il piano terra è riservato alle attività di rappresentanza, svolte prevalentemente nell'andron, la sala più importante nella quale soggiornano gli uomini, mentre il piano superiore è riservato alle donne (il Gineceo), che in Grecia vivono in una sorta di segregazione e non partecipano alla vita e agli svaghi degli uomini. Se il piano superiore non è presente, il Gineceo si trova comunque in un luogo separato rispetto all'andron.

Casa in Grecia

(ricostruzione grafica di una tipica casa greca ad un unico piano. Fonte immagine: Da Kalipedia.com - casa greca ad un unico piano)

Le abitazioni dei ricchi e quelle dei poveri, pur sorgendo le une accanto alle altre, si differenziano essenzialmente per i materiali costruttivi e per gli arredi: le case più umili sono realizzate con fango e ciottoli e presentano il tetto in stoppie, mentre quelle del ceto più abbiente sono in mattoni cotti con tetto in tegole o con mura in mattoni crudi e assi di legno.[1]

[1] Giuliana Bandinelli, Piccola storia dell'abitazione in Europa, in La Ricerca. Enciclopedia monografica Loescher, Loescher Editore, Torino, 1965

Autore

Dott.ssa Serena Casu

A cura della Dott.ssa Serena Casu

Appassionata e attenta conoscitrice di tematiche ambientali, modalità costruttive alternative ed eco-compatibili, sistemi di costruzione ecologica e metodi alternativi per la produzione di energia.

Articolo letto 24.267 volte

Visualizza l'elenco dei principali articoli